Pressofusione

Pressa per pressofusione zama

Lo stampaggio è il primo anello della nostra filiera di produzione.

Nati come specialisti nella pressofusione di particolari di pochissimi grammi (da qui il nome “Micropressofusioni”), nel tempo, seguendo le esigenze di mercato, abbiamo ampliato la nostra gamma di produzione, inserendo anche macchine più grandi ed in grado di stampare pezzi medio-grandi.

I particolari da noi prodotti sono impiegati in moltissimi settori. Infatti, in oltre 30 anni di presenza sul mercato, abbiamo costruito ed utilizzato oltre 1.800 stampi per oggetti di moltissimi generi. La stragrande maggioranza dei componenti da noi prodotti, sono articoli tecnici di precisione. Alcuni esempi sono visibili nella sezione  Case History.

Attualmente disponiamo di 12 presse, di cui 4 da 5 ton, 4 da 10 ton, 2 da 25 ton, 2 da 125 ton. Con questa gamma di macchine, siamo in grado di produrre particolari in zama con pesi che vanno da 0,5 a 800 grammi.Pannello di comando pressa zama

Le macchine da 5 a 25 tonnellate sono state da noi sviluppate e costruite. I loro punti di forza sono principalmente la loro notevole efficienza energetica e il particolare dispositivo salvastampo. Questa caratteristica, assieme all’ elevata qualità di costruzione degli stampi, ci permette di elevare la vita dello stampo ad oltre 2.000.000 di cicli, riducendo al minimo le spese di manutenzione degli stessi.

Il piano di manutenzione programmato di tutti gli stampi, eseguito presso la nostra attrezzeria, abbinato all’ esclusivo sistema salvastampo (che impedisce alla macchina di chiudere se al suo interno è accidentalmente rimasta parte della stampata) e all’ elevata qualità di costruzione degli stampi stessi, ci permettono di offrire una garanzia a vita degli stampi utilizzati nella nostra fonderia.

Quando la fase di pressofusione è completata ed i pezzi si sono completamente raffreddati, questi vengono smaterozzati. Questa fase può essere manuale od automatica, a seconda della grandezza e della complessità del prodotto in lavorazione.

In seguito, sui pezzi verranno eseguite le restanti operazioni (maschiature, alesature, sabbiatura, vibrofinitura, trattamenti galvanici, ecc.)

 

 

 

 

Torna all'inizio